773 Radio Group

Contingut sindicat 773 Radio Group
Associazione Radioamatoriale
Actualitzat: fa 23 minuts 11 segons

II0MPO Diploma Permanente “Museo Storico Piana delle Orme”– la radio in tempo di pace e di guerra – Edizione 08-09 Giugno 2024 “SIAI-Marchetti S-211 ”

Dll, 03/06/2024 - 19:04
In occasione della mostra mercato “ELETTRON 2024”
che si terrà presso Il Museo di Piana delle Orme (LT) nei giorni 08 e 09 Giugno 2024
Il 773 Radio Group sarà presente, come di consueto, con una stazione radioamatoriale multi-operatore operante in banda 40/20m (SSB) e DIG, con il nominativo speciale:
IIØMPO
(info anche su Qrz.com)

La stazione sarà attiva dalle ore 09:00 alle ore 17:30 del giorno 08/06/2024 e dalle ore 09:00 alle ore 15:00 del 09/06/2024 (ora locale).
Per conseguire il diploma, basterà collegare la stazione, per almeno una volta, nelle bande e modi specificati.

Il diploma – in formato PDF – sarà inviato gratuitamente a chi ne farà richiesta tramite e-mail a award[at]773radiogroup.it allegando i dati del collegamento (nominativo, data, giorno, ora, modo e banda di emissione).
Per chi lo vorrà, sarà disponibile a pagamento anche il diploma in formato cartaceo che verrà spedito via posta ordinaria, previo contributo di Euro 12,00 da versare via Paypal o Bonifico Bancario.
Anche in questo caso, la richiesta dovrà pervenire tramite la mail sopracitata allegando i dati richiesti oltre
che la ricevuta di versamento/copia bonifico e l’indirizzo di spedizione completo di Nome e Cognome.

Le richieste, dovranno pervenire entro e non oltre il 30/06/2024.

Pagamenti:
via paypal attraverso il pulsante presente sulla homepage del sito della nostra
associazione http://www.773radiogroup.it o con bonifico bancario internazionale SEPA intestato a 773 Radio Group, BANCA: SOLDO FINANCIAL SERVICES IRELAND – IBAN: IE32SFSN99037033510696 causale obbligatoria diploma II0MPO + nominativo radio.
Saranno disponibili QSL via EQSL.cc, EUROBUREAUQSL e BUREAU ARI.

73 a tutti e buoni collegamenti dal 773 HF TEAM

Cenni Storici e Tecnici

Il SIAI S 211 esposto a Piana delle Orme è il terzo prototipo del velivolo ed ha numero di costruzione 003 e seriale 01-003. Era presente nel maggio del 1983 al Salone Aeronautico di Le Bourget come dimostratore della ditta.

Il velivolo ha una lunghezza di 9,50 m, i due posti sono in tandem, per ridurre la sezione dell’aereo e per riprodurre un ambiente di pilotaggio simile a quello operativo. L’abitacolo è climatizzatopressurizzato e i seggiolini sono Martin Baker MK 10 eiettabili zero-zero. I posti sono scalati (di circa 28cm) per permettere la visibilità sia all’istruttore, sistemato posteriormente, che all’allievo.

L’avionica tipica comprende la radio VHF/UHF e il sistema di navigazione VOR-ILS/TACANADF, AHRS (HSI, ADI), ATC/IFF, ma poteva essere personalizzata con specifiche richieste dall’acquirente.

L’ala è in posizione alta; le prese d’aria sono poste sotto ad essa e leggermente in avanti, in corrispondenza circa del secondo abitacolo e hanno sezione a “D” con una ‘lama’ antiscorrimento. La linea dorsale, dal secondo abitacolo alla coda, è rettilinea e leggermente inclinata in basso.

L’S.211 non fu adottato in Italia; l’Aeronautica Militare aveva già in servizio l’MB-339, presentato qualche anno prima (1976) e subito adottato, anche se l’addestratore Aermacchi è di fascia leggermente superiore a quello SIAI-Marchetti, sia in quanto a peso che a prestazioni. L’MB-339 è inoltre di una ‘generazione’ precedente e di concezione più convenzionale (motore turbogetto e ala dritta, evoluzione dell’MB-326) e più costoso in termini unitari e operativo-manutentivi. Tuttavia la sovrapponibilità in alcuni compiti e per certe fasi addestrative dei due aerei non ha portato a ordinativi in Italia.

Negli anni Ottanta l’S.211 suscitò l’interesse di numerose aeronautiche. Tuttavia solo Singapore (che nonostante la sua piccola superficie ha sempre avuto un organico militare numeroso, avanzato e moderno), Haiti e le Filippine adottarono l’addestratore SIAI-Marchetti.

Singapore utilizzò in totale 32 esemplari, che hanno iniziato ad essere dismessi a fine 2008.

Le Filippine acquistarono 25 velivoli, buona parte dei quali ancora in servizio sia come addestratori sia in versione da attacco leggero, questi ultimi modificati dalla PAF negli anni Novanta e rinominati AS-211 Warrior, i quali sono stati poi ulteriormente potenziati negli anni Duemila in seguito al ritiro dal servizio degli F-5, con un progetto denominato Project Falcon. L’S.211 è stato usato anche dalla pattuglia acrobatica filippina Red Aces.

fonte: Wikipedia

Categories: it

25-26 maggio 2024, II0BDA, “Diploma Battaglia di Aprilia” in collaborazione con ARI Aprilia.

Dij, 23/05/2024 - 16:53

La sezione ARI di Aprilia, insieme al 773 Radio Group, saranno in aria dalla tenuta Calissoni Bulgari sita in via riserva nuova, 56 Aprilia (LT), dove si terrà l’ottantesimo anniversario della Battaglia di Aprilia – con il nominativo speciale II0BDA. La stazione sarà attivata nei giorni 25 e 26 maggio dalle ore 9.30 alle ore 16 circa e trasmetterà in banda 40 e 20 metri. Potranno essere inviate QSL con Ari Bureau via IQ0FB, con Eurao/EuroBureau e sarà disponibile un diploma da richiedere con conferma di attivazione all’indirizzo qsl[at]773radiogroup.it .
Partecipando alla manifestazione si potranno osservare reperti della seconda guerra e mezzi ancora tenuti in efficienza dalla “THE FACTORY 1944“, associazione organizzatrice. Nella stessa tenuta e’ presente un museo permanente che raccoglie oggetti bellici ritrovati nei territori tra Anzio, Campoleone, Aprilia, Pomezia zone nelle quali si è tenuta la battaglia tra le forze alleate e le truppe tedesche in ritirata.

Qsl manager del nominativo speciale sarà per l’occasione IQ0FB SEZIONE ARI DI APRILIA

Un pò di Storia:

L’area di Aprilia fu un campo di battaglia senza soluzione di continuità tra 16 gennaio e il 20 febbraio. Attacchi e contrattacchi da parte delle truppe britanniche e statunitensi contro le truppe tedesche si alternarono nello scacchiere.

Nei primi sette giorni i tedeschi commisero l’errore di schierare – per ordine di Hitler – il reggimento “Berlin-Spandau Lehr”, profondamente politicizzato e determinato, ma schierato senza conoscenza della zona, tra l’altro resa fangosa delle continue piogge: dopo la perdita della quasi totalità dei suoi ufficiali e fatto bersaglio del fuoco di due incrociatori e del bombardamento da parte di 812 velivoli, il reparto venne praticamente annullato; la messa in campo dei nuovissimi carri armati Tigre non fu sufficiente ad evitare la disfatta e di conseguenza l’attacco tedesco si trasformò in una strenua difesa.

Da una posizione di difesa seguìva un contrattacco: dal 17 al 19 febbraio i tedeschi lanciarono nella lotta tutte le loro forze, costringendo gli americani di far scendere in campo persino magazzinieri e cuochi.

Le decimazioni, non sempre coperte da forze fresche, furono terrificanti in termini di perdite. Centinaia furono i prigionieri tedeschi e mucchi di cadaveri vennero seppelliti con l’ausilio dei bulldozer. Nel contempo anche da parte degli Alleati, i battaglioni britannici erano praticamente spariti: uno, ad esempio, dei 600 uomini che la componevano, sopravvissero 3 ufficiali e 78 soldati.

Nel periodo citato erano periti oltre 5.000 uomini per ogni schieramento, esclusi i 30.000 caduti nei precedenti scontri e in altre zone del fronte.

Come noto, gli Alleati, alla fine di maggio del 1944, riuscirono a sfondare la linea Gustav e a liberare progressivamente i centri abitati: Aprilia fu l’ultimo comune della provincia di Littoria che venne liberato, il 28 maggio, da parte delle truppe britanniche, ma dopo una difesa ad oltranza delle indebolite ma compatte forze tedesche. Il giorno successivo venne la volta della martoriata stazione ferroviaria di Campoleone.

“Il 22 giugno 1944, il segretario comunale scrisse al Prefetto di Latina una relazione sulle condizioni riscontrate ad Aprilia e nel suo circondario. Tra l’altro: …molti cadaveri erano privi di sepoltura e occorrevano disinfettanti. La popolazione era priva di qualsiasi genere alimentare. Occorreva bonificare i campi minati, altrimenti non si sarebbe potuto raccogliere il grano…Dopo quasi un anno la situazione rimase pressoché invariata, tanto che solamente 2.860 su 6.000 abitanti delle frazioni di Campoleone, Campo di Carne e Carroceto erano rientrati nelle <case> e che le squadre di sminatori non riuscivano a liberare più di un ettaro al giorno, per scarsezza di personale e di mezzi…” (Compagno)

fonte: memorie di paese

Categories: it

QSL: Attivi per i nostri soci il Bureau IARU/ARI e l’EuroBureauQsl

Dm, 12/03/2024 - 19:39

Il  773 Radio Group, ai soci offre la possibilità di usufruire due servizi Bureau:

– Il primo é compreso nella quota di iscrizione ed é gestito da EURAO organizzazione alla quale siamo iscritti, é sufficiente registrarsi al sito https://www.eurobureauqsl.org/ e sarete attivati in quanto soci 773RG. Le QSL dovranno essere inviate, in sede, al nostro QSL MANAGER IZ0PAP Maurizio.

– Il  secondo è a pagamento e per il 2024 il costo e di € 41,00.  Questo servizio é gestito dall’ A.R.I., servizio storico IARU. Le QSL dovranno essere inviate, in sede, al nostro QSL MANAGER IZ0PAP Maurizio.

Per info scrivete alla segreteria nazionale segreteria[at]773radiogroup.it

Categories: it

Nasce il 773 Sonde Team (cacciatori di radio sonde meteo)

Dij, 07/03/2024 - 17:35

Cari amici, soci e non,

Il 9 e 10 marzo 2024, inauguriamo – a piana delle orme – la nascita del 773 Sonde Team.
Come per il gruppo HF e per quello Sistemi, il sonde team è un gruppo specializzato, all’interno della nostra associazione, nella ricerca, recupero e studio delle radiosonde. Il gruppo collabora anche con il P.I.R.S. Italia (prima P.I.R.S. Sicilia) fondato dall’amico Pietro IT9EWK insieme a Rocco IT9ZOB e Giuseppe IT9IBT.

Attiveremo per l’occasione, una radiosonda Vaisala RS41, installata staticamente a 20 metri, modificata su frequenze radioamatoriali, in APRS UHF, 432.500 IQ0XV-11. Sono graditi riscontri di ricezione.

73 de 773 SondeTeam

Categories: it

II0MPO Diploma Permanente “Museo Storico Piana delle Orme”– la radio in tempo di pace e di guerra – Edizione 09-10 Marzo 2024 “SHERMAN M4A1-DD”

Dij, 07/03/2024 - 16:53
In occasione della mostra scambio “La Radio e il Suono XXIV edizione”
che si terrà presso Il Museo di Piana delle Orme (LT) nei giorni 09 e 10 Marzo 2024
Il 773 Radio Group sarà presente, come di consueto, con una stazione radioamatoriale multi-operatore operante in banda 40/20m (SSB) e DIG, con il nominativo speciale:
IIØMPO
(info anche su Qrz.com)

La stazione sarà attiva dalle ore 09:00 alle ore 17:30 del giorno 09/03/2024 e dalle ore 09:00 alle ore 15:00 del 10/03/2024 (ora locale).
Per conseguire il diploma, basterà collegare la stazione, per almeno una volta, nelle bande e modi specificati.

Il diploma – in formato PDF – sarà inviato gratuitamente a chi ne farà richiesta tramite e-mail a award[at]773radiogroup.it allegando i dati del collegamento (nominativo, data, giorno, ora, modo e banda di emissione).
Per chi lo vorrà, sarà disponibile a pagamento anche il diploma in formato cartaceo che verrà spedito via posta ordinaria, previo contributo di Euro 12,00 da versare via Paypal o Bonifico Bancario.
Anche in questo caso, la richiesta dovrà pervenire tramite la mail sopracitata allegando i dati richiesti oltre
che la ricevuta di versamento/copia bonifico e l’indirizzo di spedizione completo di Nome e Cognome.

Le richieste, dovranno pervenire entro e non oltre il 31/03/2024.

Pagamenti:
via paypal attraverso il pulsante presente sulla homepage del sito della nostra
associazione http://www.773radiogroup.it o con bonifico bancario internazionale SEPA intestato a 773 Radio Group, BANCA: SOLDO FINANCIAL SERVICES IRELAND – IBAN: IE32SFSN99037033510696 causale obbligatoria diploma II0MPO + nominativo radio.
Saranno disponibili QSL via EQSL.cc, EUROBUREAUQSL e BUREAU ARI.

73 a tutti e buoni collegamenti dal 773 HF TEAM

Cenni Storici
Il DD Sherman è un mezzo britannico il cui sviluppo ebbe inizio nel 1941; un ingegnere, Nicholas Straussler, che per un certo periodo si era interessato di veicoli corazzati, fissò la sua attenzione su di un sistema meccanico che consentisse ad un comune carro armato di galleggiare rendendolo così adatto a partecipare ad operazioni anfibie. I primissimi esperimenti furono effettuati con carri armati leggeri Tetrarch (successivamente furono utilizzati anche i Valentine), ma alla fine venne deciso di standardizzare i risultati conclusivi utilizzando lo Sherman, all’epoca disponibile in una certa quantità di esemplari. A scopo di segretezza, i carri armati galleggianti furono chiamati Duplex Drive (DD), cioè a doppia trazione.
I primi DD Sherman, pronti nel 1943, furono realizzati aggiungendo allo scafo uno schermo di tela, ripiegabile, e 36 camere d’aria di gomma.

fonte: corazzati.it

Categories: it